Diventa volontario

Clicca per avere tutte le informazioni sui corsi di reclutamento

LA CROCE ROSSA C’E’: ASCOLTATE CON NOI IL BRANO CON CUI VOGLIAMO RICORDARE QUESTO 8 MAGGIO “ALTERNATIVO” DI C.R.I. VOGHERA CON VOCE E ❤
Eccoci arrivati all’ 8 Maggio – Giornata mondiale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, data scelta non a caso essendo il giorno della nascita di Jean Henry Dunant fondatore della nostra Associazione.
Negli scorsi anni ci avete visto celebrare questo giorno con manifestazioni di Piazza allo scopo di far conoscere le attività svolte dai Volontari ed avvicinare così la cittadinanza al Movimento della Croce Rossa. (altro…)

Musica e solidarietà con Mary Montesano Domenica 26 Aprile ore 17

Mary Montesano live dal tetto della Croce Rossa Italiana – Comitato di Voghera per un tributo a medici e infermieri dell’ospedale di Voghera e ai dipendenti e volontari della Croce Rossa di Voghera impegnati nell’emergenza Coronavirus. Live sui siti crivoghera.it e paviaunotv.it e sulle pagine Facebook di CRI Voghera Pavia Uno TV ItinerariNews

Silenzio

Coronavirus, incontro in Croce Rossa a Voghera per informare soccorritori e popolazione

In un periodo in cui si susseguono notizie vere e false sul coronavirus è importante fare informazione e prevenzione. Per questo in Croce Rossa a Voghera il Presidente del Comitato Ondina Torti ed il Direttore Sanitario Michela Quaglini hanno dato vita ad una serata in cui sono state condivise con i soci ed i cittadini intervenuti le linee guida del Comitato Nazionale C.R.I. “Abbiamo raccolto le preoccupazioni del nostro Presidente nazionale Francesco Rocca, che nei giorni scorsi aveva lanciato un allarme proprio contro il diffondersi di fake news che provocano panico sociale, intolleranza e fenomeni di discriminazione e razzismo – spiega Ondina Torti – . Visto che mensilmente organizziamo serate informative, questa volta abbiamo creduto giusto concentrarci anche sulle linee guida comportamentali sul coronavirus, che veicoliamo attraverso i nostri canali di comunicazione”. Oltre all’attività avviata in porti ed aeroporti, è stato spiegato durante la serata, la Croce Rossa su scala nazionale sta gestendo in sicurezza il trasporto dei casi potenzialmente sospetti verso le strutture sanitarie di competenza, attraverso l’utilizzo di mezzi speciali di alto biocontenimento predisposti in caso di emergenze sanitarie come questa: a tal proposito è intervenuto sull’argomento anche il capitano Davide Acquafermata, del Corpo Militare della Croce Rossa, settore nord ovest NAPRO PAVIA. In questo periodo Acquafermata si trova a Genova, una delle città individuate per i posti fissi avanzati con l’unità NBCR (gruppo specializzato dei Vigili del Fuoco chiamato ad intervenire in situazioni eccezionali, la sigla NBCR è infatti l’abbreviazione di NUCLEARE-BIOLOGICO-CHIMICO-RADIOLOGICO). “E’ bene poi sfatare alcune bufale in materia, tipo che il virus è stato creato in laboratorio, da società farmaceutiche per vendere i vaccini – spiega la dottoressa Michela Quaglini -: per arrivare ad un vaccino occorre più di un anno. Ed è bene sapere anche che non ci si difende dal virus indossando qui a casa nostra le mascherine o adottando metodi casalinghi, tipo quelli che circolano sui social, come ingerire acido acetico o acqua salata. Basta lavarsi bene e spesso le mani, rispettando le buone pratiche igieniche, e utilizzare fazzoletti usa e getta in caso di raffreddore. Poi la trasmissione del virus avviene sempre per via respiratoria e dopo un contatto stretto con un paziente infetto (ad esempio tra familiari o in ambiente sanitario) e mai attraverso il cibo, quindi non c’è alcun pericolo nell’andare a mangiare in un ristorante cinese in Italia, evitiamo anche episodi di razzismo verso immigrati di colore come purtroppo abbiamo assistito in questi giorni”.  Per evitare di condividere notizie false è bene ricordare che qui in Italia il sito di riferimento è quello del Ministero della Salute (www.salute.gov.it/nuovocoronavirus, oltre al numero 1500). Infine ogni giorno l’Istituto Spallanzani di Roma rende noto un bollettino medico alle ore 12 aggiornando sui casi confermati in Italia e sui test dei contatti monitorati. Mentre la Croce Rossa su scala nazionale ha attivato un numero verde per la popolazione, è 800 065 510.

In Croce Rossa a Voghera è attivo da tempo il servizio di Telesoccorso, molto utile soprattutto per chi è anziano e vive solo. “Abbracciamo un territorio molto vasto come Comitato, dal confine con la Lomellina a Sannazzaro fino ad arrivare sugli Appennini della Valle Staffora, dove ci sono parecchie frazioni ed abitazioni isolate – spiega Alberto Ricci, responsabile del servizio presso la C.R.I. di Voghera -. Per questo diventa fondamentale un servizio come quello del Telesoccorso. Grazie ai nostri Giovani e ai nostri Volontari che formiamo periodicamente effettuiamo telefonate di cortesia per tutti coloro che sono abbonati al nostro servizio, chiediamo alle persone come stanno e se hanno necessità di qualche cosa, anche per andare a fare la spesa o dal medico. In caso di necessità basterà premere un pulsante sull’apparato o sul telecomando abbinato e viene lanciato un allarme alla nostra sala operativa, che con un operatore provvederà ad un immediato contatto con l’utente per sincerarsi circa le sue condizioni. Il nostro centralinista, capite le necessità dell’utente, avviserà i parenti e attiverà tutti i soccorsi necessari, a partire da quello sanitario”. Per ulteriori informazioni basta chiamare la sede della Croce Rossa di Voghera allo 0383.45666 o scrivere a voghera@cri.it

Passeggiare in compagnia e trascorrere qualche ora, la Domenica, all’insegna della salute e della coesione sociale. Quattro volontarie di Croce Rossa a Voghera, certificate per fare servizio Emergenza/Urgenza, fanno parte del gruppo “Camminatori della C.R.I.” fondato nel 2013. “Cerchiamo di sensibilizzare la popolazione ad adottare un corretto stile di vita e incoraggiare i partecipanti alla socializzazione e alla condivisione, basta munirsi di abbigliamento adeguato alla stazione e di calzature comode” spiegano Barbara Sforzini Barbara Cucchi Grazia Cambareri Clara Montagna.
Il gruppo di Camminatori fa capo al Servizio Salute gestito dalla Dottoressa Debora Porri, nutrizionista: “Io consiglio sempre di camminare, di fare attività quotidiana, perché fa davvero bene, non solo per perdere peso ma per tenersi in forma. Camminare permette di contrastare l’obesità ma anche di ridurre il colesterolo, il rischio di malattie cardiovascolari, previene il declino osseo e muscolare, migliora il tono dell’umore, riduce lo stress ed aumenta le difese immunitarie”. Chi volesse aderire a questo gruppo Camminatori può chiamare in sede C.R.I. allo 0383.45501.

La Giornata contro lo spreco alimentare quest’anno vede un messaggio molto semplice: “Il cibo non si butta”. L’obiettivo è quello di invitare tutti a porre un’attenzione maggiore all’impiego di risorse alimentari, al loro utilizzo e alla loro conservazione. È infatti emerso che dei 15 miliardi di euro in cui si quantifica lo spreco annuo di cibo in Italia, 13 miliardi sono dovuti alla sfera quotidiana. Appare quindi quanto mai importante puntare sull’informazione e la prevenzione, partendo proprio dalle nuove generazioni, i consumatori e i ristoratori del futuro. La buona notizia è che per la prima volta dopo dieci anni nelle case degli italiani si spreca meno cibo: rispetto all’anno scorso infatti si è verificato un calo del 25% degli alimenti buttati nella spazzatura, secondo il Rapporto 2020 dell’Osservatorio Waste Watcher di Last Minute Market/Swg. La notizia meno buona è che ogni famiglia italiana getta ancora prodotti alimentari per un valore di 4,91 euro alla settimana, che sommati insieme portano a una cifra di circa 6,5 miliardi.

Lo spreco alimentare è tanto più illogico quanto più aumentano le famiglie bisognose, che ogni mese di mettono in fila per ricevere un pacco di derrate a lunga scadenza presso la Croce Rossa di Voghera. Responsabile del servizio, ogni terzo Sabato del mese dalle 8,30 alle 13 presso la sede del Comitato in via Carlo Emanuele, è Alberto Ricci, che commenta: “Ogni mese raccogliamo nuove richieste di aiuto.  Una volta al mese i nostri volontari C.R.I. aderiscono al progetto in collaborazione con Unione Europea Fead e Banco Alimentare. Per questo apriamo il nostro sportello a tutte quelle famiglie segnalate dai servizi sociali che non riescono ad arrivare alla fine del mese vessati da problemi di mutui, affitti, lavoro precario. E ai quali la Croce Rossa, dietro presentazione del modello Isee, fornisce un aiuto concreto con la distribuzione dei generi di prima necessità, come pasta, biscotti, scatolame, conserve, farina, legumi e altro”. Per la conservazione di cibi e bevande, sono attivate tutte le procedure di autocontrollo (HACCP Hazard Analysis and Critical Control Points) previste dalla legge e concernenti l’igiene dei prodotti alimentari.

Settimana della solidarietà con il Banco Farmaceutico presso la Farmacia Zanini

Anche la Croce Rossa di Voghera aderisce all’iniziativa della Raccolta del Farmaco, curata dal Banco Farmaceutico su scala nazionale, che quest’anno, in occasione del 20ennale, dura una intera settimana. Con i responsabili dello Sportello Salute, i volontari Giancarlo Maggi ed Alba Roperti, insieme al Direttore Amministrativo Luigi Bassanese, il Comitato di Croce Rossa iriense intende dare il proprio sostegno a questa lodevole iniziativa, che avrà il suo clou nella giornata di Sabato 8 Febbraio: “Noi siamo presenti presso la Farmacia Zanini in via Emilia 94 a Voghera, dove sarà possibile recarsi per acquistare uno o più confezioni di farmaci da banco da donare agli indigenti – spiega la Presidente della C.R.I. di Voghera Ondina Torti -. I medicinali poi li consegneremo durante la nostra distribuzione mensile di viveri, sotto la supervisione del nostro direttore sanitario Michela Quaglini, a tutte quelle famiglie che non possono permettersi di acquistarli”.

Si tratta di una iniziativa che coinvolge ben 4800 farmacie italiane, che espongono la locandina della #GRF2020. In Italia nel 2019 c’è stato il picco di richiesta da parte di enti assistenziali convenzionati con il Banco Farmaceutico: 1.040.607 confezioni di medicinali (+4,8% rispetto al 2018); 473.000 persone povere si sono ammalate e hanno chiesto il loro aiuto per curarsi. Altri numeri che danno l’idea della situazione che stiamo vivendo: su 5 milioni di persone in povertà assoluta, 1 milione e 260.000 sono minori, mentre una famiglia su 5 con figli è stata costretta a rinunciare alle cure per ragioni economiche.

La Croce Rossa Italiana è impegnata in prima linea nella lotta alla povertà e anche in questa settimana della Raccolta del Farmaco vuole essere al fianco di chi vive, per vari motivi, situazioni di disagio.

La Croce Rossa di Voghera intende replicare alle dure ed infondate accuse rivolte dall’on. Cristian Romaniello, esponente del Movimento 5 Stelle, tramite il quotidiano locale “La Provincia Pavese”, in merito alla cerimonia con premiazione dei Volontari svoltasi Sabato 25 Gennaio presso il Comune di Voghera. Si tratta di false accuse atte a strumentalizzare a fini politici l’operato di un Comitato tra i più attivi e più grandi d’Italia, in cui prestano il loro servizio circa 400 soci tra volontari, componente giovane ed infermiere volontarie, oltre a 36 dipendenti. Come già successo in altre manifestazioni da noi organizzate, anche in questa occasione, accanto ai benefattori, sono state invitate autorità civili, militari, religiose e i politici che rappresentano il territorio. Oltre dunque a Sindaco ed esponenti della Giunta Comunale di Voghera, una volta ottenuta l’autorizzazione dal Comune per l’utilizzo della Sala Consiliare (richiesta inviata il 17/12 e risposta arrivata il 14/1) abbiamo provveduto a fare stampare gli inviti e ad inoltrarli a tutti, a partire proprio dai parlamentari vogheresi, on. Elena Lucchini della Lega Nord ed on. Cristian Romaniello, del M5S. La prima ha risposto affermativamente, mentre la segreteria dell’on. Romaniello ha fatto sapere dell’indisponibilità a partecipare all’evento Venerdì 24 Gennaio tramite mail arrivata in sede. A quel punto le premiazioni, che di solito vengono sempre suddivise tra le autorità presenti, sono state affidate al sindaco Carlo Barbieri, alla Presidente della C.R.I. di Voghera Ondina Torti e all’on. Elena Lucchini. Non abbiamo sconvolto la prassi, il nostro modus operandi solo perché l’on. Romaniello non ha dato la sua disponibilità a partecipare all’evento. La Croce Rossa, è bene sottolinearlo, non fa campagna elettorale, è da sempre super partes, e a garanzia di ciò ispira tutte le sue azioni ai Sette Principi Fondamentali che ne costituiscono lo spirito e l’etica: Umanità, Imparzialità, Neutralità, Indipendenza, Volontariato, Unità, Universalità. Per questo chiunque è vicino al nostro Comitato ed intende darci una mano è benvenuto, di qualsiasi etnia, religione, sesso, colore politico..L’on. Romaniello, poi, in un ridicolo tentativo di strumentalizzare la presenza degli ospiti, prima ha insinuato che dietro la presenza dell’on Lucchini ci siano “esponenti evidentemente vicini al Comitato” e poi ha attaccato anche l’imprenditore vogherese Massimo Bergaglio  con una frase che si commenta da sé: “ Mi sorprende che accanto alla collega Lucchini ci fosse l’imprenditore Bergaglio, capisco che fanno pressione perché sia il loro candidato. E’ una persona per bene, ma se proprio vogliono fare campagna elettorale lo convincono a donare un’ambulanza, che è una spesa che può interamente scaricare dalle tasse”. Vede, caro on. Romaniello, la famiglia Bergaglio era qui rappresentata da Massimo in quanto da sempre vicina al nostro Comitato, come del resto la famiglia Balma e tanti altri benefattori come Angela Dorati (presente tra i banchi della sala del consiglio) che hanno a cuore le sorti della Croce Rossa e che periodicamente fanno donazioni per l’acquisto di ambulanze. Si informi, prima di chiamare il quotidiano locale per aizzare polemiche inutili, perché in questo modo mostra tutta la sua ignoranza in materia e danneggia anche l’immagine di preziosi benefattori per il nostro Comitato. Senza di loro non potremmo garantire alla popolazione i 15.000 servizi e 430.000 km percorsi solo lo scorso anno, con 11 ambulanze, 7 autovetture, 4 mezzi per il trasporto dei diversamente abili, senza contare tutti i mezzi in dotazione alla Protezione Civile. Siamo dunque orgogliosi e fieri dei nostri soci e dei nostri benefattori e di chiunque ci è accanto in vari momenti dell’anno.

Se ci fosse una campagna elettorale in corso a Voghera potremmo parlare di strumentalizzazioni, in questo caso c’è solo malafede e disinformazione, alla quale provvediamo noi ora a porre rimedio. Capiamo che l’on. Romaniello in questi giorni era alle prese con problemi ben più seri all’interno del Movimento e con le elezioni in Emilia Romagna e Calabria che hanno messo in luce numeri che hanno creato qualche malumore di troppo, ma riversare questo travaso di bile sui volontari del soccorso e su un Comitato di cui lui ha fatto parte per ben 12 anni è un tentativo davvero falso e meschino di ribaltare la realtà dei fatti. Inoltre l’onorevole ha chiamato il quotidiano locale per annunciare le sue dimissioni ma queste dimissioni non sono mai arrivate alla Presidenza. E di fatto non vediamo l’esponente dei 5 Stelle da una vita in sede a fare volontariato, ma notiamo invece che è pronto ad aizzare polemiche inutili e inopportune verso il proprio Comitato C.R.I. di appartenenza. 

In conclusione: non permetteremo a nessuno di infangare in modo maldestro e squallido il nome della Croce Rossa di Voghera per puri fini politici e ci tuteleremo nelle sedi opportune di fronte a simili dichiarazioni lesive dell’immagine del Comitato. 

In Municipio è stato illustrato il bilancio delle attività dell’ultimo quadriennio, con l’assegnazione degli Attestati ai Soci per i 15 e 25 anni di servizio

 

“Dobbiamo essereorgogliosi di fare parte di questo Comitato, indossare questa divisa e fare del bene ogni giorno”: così la Presidente della Croce Rossa di Voghera Ondina Torti ha iniziato il suo discorso nella Sala Consiliare di Palazzo Gounela, sede del Comune di Voghera. A fare gli onori di casa c’erano il Sindaco Carlo Barbieri, il Presidente del Consiglio Comunale Nicola Affronti, gli Assessori Simona Virgilio e Giuseppe Carbone, l’Onorevole Elena Lucchini, rappresentanze dei Carabinieri (anche i Carabinieri in congedo), della Guardia di Finanza e delle altre forze dell’ordine.

Una attività a 360 gradi quella del Comitato C.R.I. di via Carlo Emanuele a Voghera, uno dei più grandi d’Italia, in un territorio molto esteso che va dai confini tra Oltrepo e Lomellina e arriva fino al Brallo, abbracciando tutta la Valle Staffora, grazie anche alla Delegazione di Varzi. “Grazie ad una benefattrice che ha portato in sede un assegno con il quale abbiamo appena acquistato un’ambulanza: l’esempio di una cittadina vogherese, Angela Dorati, è davvero da mettere in risalto, perché se non ci fossero questi benefattori non potremmo neppure sostenere tutti questi servizi ogni giorno per la popolazione” ha continuato Ondina Torti. I numeri di questo Comitati sono davvero grandi: circa 400 soci, tra volontari, componente giovane e circa 35 infermiere volontarie, 36 dipendenti con 3 amministrativi e 2 coordinatori dei servizi. Sul fronte parco mezzi la Croce Rossa di Voghera può contare su 11 ambulanze, 7 autovetture, 4 mezzi per il trasporto dei diversamente abili, 1 pullman, 2 furgoni della protezione civile, 2 camion, 3 rimorchi, 2 fuoristrada, per un totale di 32 mezzi. Da non dimenticare poi cucina e bagni da campo, il camper con ambulatorio e per le manifestazioni un service audio completo, con palco e tensostrutture. Lo scorso anno, infine, sono stati percorsi 430.000 km circa, a fronte di 15.000 servizi.

“Siamo orgogliosi e fieri di ospitare tutti questi volontari della casa dei vogheresi, il Palazzo Comunale – ha sottolineato il sindaco Carlo Barbieri -: la Croce Rossa di Voghera è un bene prezioso, di cui andare fieri e a cui ci appoggiamo spesso anche per l’organizzazione delle nostre manifestazioni”. Una attività encomiabile, sottolineata anche dall’Onorevole Elena Lucchini, che è stata eletta proprio in questo territorio e che lo vive ogni giorno: “Bisogna solo dire grazie a tutti questi volontari per il bene che prestano ogni giorno alla comunità, alle persone che vivono situazioni di difficoltà. E’ una grande famiglia che offre tra l’altro tanti servizi, ed è bello farli conoscere ed estenderli il più possibile”.

Durante la mattinata di festa sono stati consegnati anche gli attestati (in gergo tecnico “Croci di anzianità” ai 28 soci che hanno maturato almeno 25 anni di servizio (c’è chi ne ha superati anche 40) e ai 43 soci in forza al Comitato da almeno 15 anni. E’ stato anche tempo di bilanci, visto che volge al termine il quadriennio del Presidente Ondina Torti: “Non siamo più visti solo come un ente che si occupa di emergenza urgenza, oggi possiamo dire con orgoglio che siamo un Comitato a 360 gradi, che si occupa anche di cultura, sociale ed aggregazione. In attesa di individuare una sede per la casa famiglia per persone autosufficienti che dedicheremo alla memoria di mia figlia Barbara, mi piace sottolineare tutto il lavoro del gruppo che si dedica al telesoccorso e alle cosiddette “telefonate di cortesia” per le persone anziane e che vivono sole. Ma ai “diversamente giovani” sono dedicati anche tutti gli incontri organizzati durante il periodo estivo presso il centro polifunzionale di via Maggioriano, con merende ed animazione, la presenza di un nostro giovane prestigiatore, di un tenore e di altri musicisti che allietano i pomeriggi. Sempre lì poi presentiamo mensilmente libri e facciamo incontri con l’autore, seminari, serate a tema, non dimenticando importanti servizi come il patronato ogni Giovedì pomeriggio, in convenzione con la Coldiretti provinciale, l’ambulatorio con le nostre infermiere tutti i giorni feriali in sede dalle 9 alle 10,30 e due volte la settimana anche presso gli ambulatori di Godiasco. Ancora, abbiamo il supporto costante di una psicologa per tutti i nostri volontari che affrontano servizi particolarmente traumatici, di una biologa nutrizionista per tutto ciò che concerne i disturbi alimentari e per informare su una corretta alimentazione.  Aumenteremo sempre più le lezioni legate alle manovre di disostruzione pediatrica nei Comuni del nostro bacino oltrepadano, facciamo anche gite ed uscite culturali (siamo stati a Roma, Assisi, Lago di Braies, solo per citare alcuni posti). Per favorire l’aggregazione di tutti i soci diamo vita periodicamente ad apericene, partirà a breve il Cral, Circolo Ricreativo Assistenziale dei Lavoratori, attraverso il quale svilupperemo convenzioni con negozi ma anche attività di tipo ludico-ricreativo”. Insomma, la Croce Rossa di Voghera, alle soglie dei suoi 90 anni di storia, è viva e vegeta e sempre più integrata nella comunità e cerca sempre nuovi volontari per dare vita a nuovi corsi ed essere sempre più al servizio del prossimo.