Diventa volontario

Clicca per avere tutte le informazioni sui corsi di reclutamento

La Giornata contro lo spreco alimentare quest’anno vede un messaggio molto semplice: “Il cibo non si butta”. L’obiettivo è quello di invitare tutti a porre un’attenzione maggiore all’impiego di risorse alimentari, al loro utilizzo e alla loro conservazione. È infatti emerso che dei 15 miliardi di euro in cui si quantifica lo spreco annuo di cibo in Italia, 13 miliardi sono dovuti alla sfera quotidiana. Appare quindi quanto mai importante puntare sull’informazione e la prevenzione, partendo proprio dalle nuove generazioni, i consumatori e i ristoratori del futuro. La buona notizia è che per la prima volta dopo dieci anni nelle case degli italiani si spreca meno cibo: rispetto all’anno scorso infatti si è verificato un calo del 25% degli alimenti buttati nella spazzatura, secondo il Rapporto 2020 dell’Osservatorio Waste Watcher di Last Minute Market/Swg. La notizia meno buona è che ogni famiglia italiana getta ancora prodotti alimentari per un valore di 4,91 euro alla settimana, che sommati insieme portano a una cifra di circa 6,5 miliardi.

Lo spreco alimentare è tanto più illogico quanto più aumentano le famiglie bisognose, che ogni mese di mettono in fila per ricevere un pacco di derrate a lunga scadenza presso la Croce Rossa di Voghera. Responsabile del servizio, ogni terzo Sabato del mese dalle 8,30 alle 13 presso la sede del Comitato in via Carlo Emanuele, è Alberto Ricci, che commenta: “Ogni mese raccogliamo nuove richieste di aiuto.  Una volta al mese i nostri volontari C.R.I. aderiscono al progetto in collaborazione con Unione Europea Fead e Banco Alimentare. Per questo apriamo il nostro sportello a tutte quelle famiglie segnalate dai servizi sociali che non riescono ad arrivare alla fine del mese vessati da problemi di mutui, affitti, lavoro precario. E ai quali la Croce Rossa, dietro presentazione del modello Isee, fornisce un aiuto concreto con la distribuzione dei generi di prima necessità, come pasta, biscotti, scatolame, conserve, farina, legumi e altro”. Per la conservazione di cibi e bevande, sono attivate tutte le procedure di autocontrollo (HACCP Hazard Analysis and Critical Control Points) previste dalla legge e concernenti l’igiene dei prodotti alimentari.

Settimana della solidarietà con il Banco Farmaceutico presso la Farmacia Zanini

Anche la Croce Rossa di Voghera aderisce all’iniziativa della Raccolta del Farmaco, curata dal Banco Farmaceutico su scala nazionale, che quest’anno, in occasione del 20ennale, dura una intera settimana. Con i responsabili dello Sportello Salute, i volontari Giancarlo Maggi ed Alba Roperti, insieme al Direttore Amministrativo Luigi Bassanese, il Comitato di Croce Rossa iriense intende dare il proprio sostegno a questa lodevole iniziativa, che avrà il suo clou nella giornata di Sabato 8 Febbraio: “Noi siamo presenti presso la Farmacia Zanini in via Emilia 94 a Voghera, dove sarà possibile recarsi per acquistare uno o più confezioni di farmaci da banco da donare agli indigenti – spiega la Presidente della C.R.I. di Voghera Ondina Torti -. I medicinali poi li consegneremo durante la nostra distribuzione mensile di viveri, sotto la supervisione del nostro direttore sanitario Michela Quaglini, a tutte quelle famiglie che non possono permettersi di acquistarli”.

Si tratta di una iniziativa che coinvolge ben 4800 farmacie italiane, che espongono la locandina della #GRF2020. In Italia nel 2019 c’è stato il picco di richiesta da parte di enti assistenziali convenzionati con il Banco Farmaceutico: 1.040.607 confezioni di medicinali (+4,8% rispetto al 2018); 473.000 persone povere si sono ammalate e hanno chiesto il loro aiuto per curarsi. Altri numeri che danno l’idea della situazione che stiamo vivendo: su 5 milioni di persone in povertà assoluta, 1 milione e 260.000 sono minori, mentre una famiglia su 5 con figli è stata costretta a rinunciare alle cure per ragioni economiche.

La Croce Rossa Italiana è impegnata in prima linea nella lotta alla povertà e anche in questa settimana della Raccolta del Farmaco vuole essere al fianco di chi vive, per vari motivi, situazioni di disagio.

La Croce Rossa di Voghera intende replicare alle dure ed infondate accuse rivolte dall’on. Cristian Romaniello, esponente del Movimento 5 Stelle, tramite il quotidiano locale “La Provincia Pavese”, in merito alla cerimonia con premiazione dei Volontari svoltasi Sabato 25 Gennaio presso il Comune di Voghera. Si tratta di false accuse atte a strumentalizzare a fini politici l’operato di un Comitato tra i più attivi e più grandi d’Italia, in cui prestano il loro servizio circa 400 soci tra volontari, componente giovane ed infermiere volontarie, oltre a 36 dipendenti. Come già successo in altre manifestazioni da noi organizzate, anche in questa occasione, accanto ai benefattori, sono state invitate autorità civili, militari, religiose e i politici che rappresentano il territorio. Oltre dunque a Sindaco ed esponenti della Giunta Comunale di Voghera, una volta ottenuta l’autorizzazione dal Comune per l’utilizzo della Sala Consiliare (richiesta inviata il 17/12 e risposta arrivata il 14/1) abbiamo provveduto a fare stampare gli inviti e ad inoltrarli a tutti, a partire proprio dai parlamentari vogheresi, on. Elena Lucchini della Lega Nord ed on. Cristian Romaniello, del M5S. La prima ha risposto affermativamente, mentre la segreteria dell’on. Romaniello ha fatto sapere dell’indisponibilità a partecipare all’evento Venerdì 24 Gennaio tramite mail arrivata in sede. A quel punto le premiazioni, che di solito vengono sempre suddivise tra le autorità presenti, sono state affidate al sindaco Carlo Barbieri, alla Presidente della C.R.I. di Voghera Ondina Torti e all’on. Elena Lucchini. Non abbiamo sconvolto la prassi, il nostro modus operandi solo perché l’on. Romaniello non ha dato la sua disponibilità a partecipare all’evento. La Croce Rossa, è bene sottolinearlo, non fa campagna elettorale, è da sempre super partes, e a garanzia di ciò ispira tutte le sue azioni ai Sette Principi Fondamentali che ne costituiscono lo spirito e l’etica: Umanità, Imparzialità, Neutralità, Indipendenza, Volontariato, Unità, Universalità. Per questo chiunque è vicino al nostro Comitato ed intende darci una mano è benvenuto, di qualsiasi etnia, religione, sesso, colore politico..L’on. Romaniello, poi, in un ridicolo tentativo di strumentalizzare la presenza degli ospiti, prima ha insinuato che dietro la presenza dell’on Lucchini ci siano “esponenti evidentemente vicini al Comitato” e poi ha attaccato anche l’imprenditore vogherese Massimo Bergaglio  con una frase che si commenta da sé: “ Mi sorprende che accanto alla collega Lucchini ci fosse l’imprenditore Bergaglio, capisco che fanno pressione perché sia il loro candidato. E’ una persona per bene, ma se proprio vogliono fare campagna elettorale lo convincono a donare un’ambulanza, che è una spesa che può interamente scaricare dalle tasse”. Vede, caro on. Romaniello, la famiglia Bergaglio era qui rappresentata da Massimo in quanto da sempre vicina al nostro Comitato, come del resto la famiglia Balma e tanti altri benefattori come Angela Dorati (presente tra i banchi della sala del consiglio) che hanno a cuore le sorti della Croce Rossa e che periodicamente fanno donazioni per l’acquisto di ambulanze. Si informi, prima di chiamare il quotidiano locale per aizzare polemiche inutili, perché in questo modo mostra tutta la sua ignoranza in materia e danneggia anche l’immagine di preziosi benefattori per il nostro Comitato. Senza di loro non potremmo garantire alla popolazione i 15.000 servizi e 430.000 km percorsi solo lo scorso anno, con 11 ambulanze, 7 autovetture, 4 mezzi per il trasporto dei diversamente abili, senza contare tutti i mezzi in dotazione alla Protezione Civile. Siamo dunque orgogliosi e fieri dei nostri soci e dei nostri benefattori e di chiunque ci è accanto in vari momenti dell’anno.

Se ci fosse una campagna elettorale in corso a Voghera potremmo parlare di strumentalizzazioni, in questo caso c’è solo malafede e disinformazione, alla quale provvediamo noi ora a porre rimedio. Capiamo che l’on. Romaniello in questi giorni era alle prese con problemi ben più seri all’interno del Movimento e con le elezioni in Emilia Romagna e Calabria che hanno messo in luce numeri che hanno creato qualche malumore di troppo, ma riversare questo travaso di bile sui volontari del soccorso e su un Comitato di cui lui ha fatto parte per ben 12 anni è un tentativo davvero falso e meschino di ribaltare la realtà dei fatti. Inoltre l’onorevole ha chiamato il quotidiano locale per annunciare le sue dimissioni ma queste dimissioni non sono mai arrivate alla Presidenza. E di fatto non vediamo l’esponente dei 5 Stelle da una vita in sede a fare volontariato, ma notiamo invece che è pronto ad aizzare polemiche inutili e inopportune verso il proprio Comitato C.R.I. di appartenenza. 

In conclusione: non permetteremo a nessuno di infangare in modo maldestro e squallido il nome della Croce Rossa di Voghera per puri fini politici e ci tuteleremo nelle sedi opportune di fronte a simili dichiarazioni lesive dell’immagine del Comitato.