Dalla nostra pagina Facebook:


📍Sono trascorsi quattro anni da quel tragico giorno, ma il nostro ricordo non si spegne. Eravamo lì per portare soccorso e alleviare il dolore di un'intera comunità. ❤️ Il nostro abbraccio a #Genova. #PonteMorandi ... See MoreSee Less
View on Facebook
Siete il nostro orgoglio.#giornatamodialedellagioventu #crivoghera #crocerossaitaliana ... See MoreSee Less
View on Facebook
Vorremmo poter condividere ogni giorno racconti, come questo, di gratitudine e di umanità. Non è sempre così, ma nei nostri cuori vi assicuriamo che sono queste le emozioni che rimangono per sempre. Grazie a te Paolo! #UnItaliaCheAiuta #crocerossavoghera #crivoghera #umanita ... See MoreSee Less
View on Facebook
Presente al 4 Campo Nazionale della Croce Rossa anche la nostra volontaria Valeria che ha acquisito le qualifiche per diventare un nuovo Formatore TSSA del Comitato! La formazione costante è fondamentale per permettere ai nostri operatori di essere sempre preparati per intervenire con la massima efficacia in ogni situazione. #crivoghera #crocerossaVoghera #gliesaminonfinisconomai #formazionecontinua #UnItaliaCheAiuta #preparazione #professionalita ... See MoreSee Less
View on Facebook
COSA DOVREBBERO INSEGNARE CERTI EPISODI MENTRE FACCIAMO SOCCORSO…Nel corso dell’intervento su uno dei tanti gravi incidenti accaduti Sabato sera, ci riferiamo a quello sulla Provinciale 1 Bressana-Salice, all’altezza di Retorbido, un nostro soccorritore è stato vittima di una aggressione verbale sfociata in insulti e sputi. Tutto ciò è avvenuto perché l’ambulanza occupava parte della carreggiata e, ovviamente, le auto non potevano transitare. Il soccorritore è rimasto molto provato per questa vicenda: noi non vogliamo schierarci a difesa del nostro operatore, poiché non ne ha alcun bisogno, non ha reagito ed ha continuato il suo lavoro diligentemente e con professionalità, senza lasciarsi distrarre. Non vogliamo parlare neppure di mala gioventù, perché di giovani ne conosciamo tanti nel nostro Comitato e dire che siamo orgogliosi di loro è riduttivo. Non vogliamo parlare di ignoranza, perché non possiamo pensare che le due ragazze protagoniste di questo gesto possano ignorare che il soccorritore stia svolgendo un intervento in emergenza dal quale può dipendere la vita di una persona, mentre la strada viene di fatto bloccata dalle forze dell’ordine. C’è però da evidenziare, attraverso questo episodio, come le persone stiano diventando sempre più indifferenti, anche di fronte ad un incidente, non mettano da parte il loro egocentrismo, non vogliano sapere ragione di nulla, non siano più predisposte all’ascolto. Ormai si attacca, a testa bassa, anche di fronte a tragedie come queste, in cui si contano vittime e feriti. Stiamo perdendo davvero il senso di umanità, di appartenenza ad una società dove chi interviene per soccorrere il prossimo una volta veniva ringraziato, oggi viene schernito e preso ad insulti e sputi. Non voltiamoci dall’altra parte di fronte a questi episodi. Perché è un male da fermare con il contributo di tutti. Prenderne coscienza è già il primo passo utile. #soccorso #soccorritori #aggressione #condanna #UnItaliaCheAiuta #crocerossavoghera #crocerossaitaliana ... See MoreSee Less
View on Facebook